Covid19: prorogata al 3 Maggio la riduzione della mobilità!

blank

Prorogati fino al 3 Maggio prossimo tutti i provvedimenti adottati dal Ministero dei Trasporti per far fronte all’emergenza sanitaria da Coronavirus.

Il nuovo decreto prolunga l’efficacia di alcune misure finalizzate ad una forte limitazione della mobilità delle persone sul territorio italiano e del trasporto dei passeggeri attraverso i diversi vettori e armatori.

Nei trasporti aerei, sono assicurati esclusivamente i servizi essenziali e l’operatività è limitata agli aeroporti di Ancona, Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Genova, Lamezia Terme, Lampedusa, Milano Malpensa, Napoli, Palermo, Pantelleria, Pescara, Pisa, Roma Ciampino e Fiumicino, Torino, Venezia per i soli voli di stato, trasporti organi, Canadair e servizi emergenziali.

Negli aeroporti di aviazione generale e nelle aree di atterraggio sono consentiti esclusivamente i voli motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero effettuati per motivi di salute.

Per le ferrovie saranno sempre garantiti i servizi minimi per le attività a mercato e quelle svolte in base a contratti di servizio per la lunga percorrenza stipulati da Trenitalia, con almeno una coppia di collegamento su ogni direttrice.

I servizi Intercity, saranno di volta in volta “rimodulati” con le amministrazioni vigilanti in funzione delle ridotte esigenze di mobilità. Nessuna limitazione è prevista per il servizio di trasporto merci e per i servizi a carattere emergenziale.

I servizi automobilistici interregionali sono assicurati nei servizi minimi essenziali.

Confermate le limitazioni dei collegamenti con le isole principali, attraverso la sospensione del trasporto marittimo dei viaggiatori, mentre continua ad essere assicurato esclusivamente il trasporto delle merci possibilmente su unità di carico isolate non accompagnate.

Gli spostamenti via mare per i passeggeri da Messina per Villa San Giovanni e Reggio Calabria e viceversa sono assicurati mediante alcune corse giornaliere di andata e ritorno.

Il trasporto aereo di viaggiatori da e verso la Sicilia è assicurato, solamente per improrogabili esigenze di connessione territoriale con la penisola, esclusivamente presso gli aeroporti di Palermo e Catania mediante due voli andata e ritorno da Roma/Catania e due voli andata e ritorno per Roma/Palermo.

Quello da e verso la Sardegna è assicurato esclusivamente presso l’aeroporto di Cagliari per dimostrate ed improrogabili esigenze, previa autorizzazione del Presidente della Regione.